La bioluminescenza è uno stile di vita

DALLE LUCCIOLE AI FUNGHI: QUANDO LA BIOLUMINESCENZA È UNO STILE DI VITA

 

Se qualcuno dovesse chiedervi quale sia un essere vivente capace di emettere luce, probabilmente vi verrebbe in mente la lucciola: un grazioso coleottero appartenente alla famiglia Lampyridae che, nelle sere d’estate, ci delizia con la sua luce fredda e intermittente zigzagando qua e là per le campagne.
Vi siete mai chiesti perché le lucciole sprigionino luce? E soprattutto: sono gli unici animali a mostrare questa peculiarità?
Prima di rispondere a queste domande è necessario chiarire il fenomeno che sta alla base della loro emanazione di luce: la bioluminescenza.

 

LA BIOLUMINESCENZA

La bioluminescenza è definita come l’emissione di luce visibile da parte di un organismo ed è il risultato di una naturale reazione chimica.
Il processo più comune prevede un’ossidazione, cioè una cessione di elettroni, di una molecola in grado di sviluppare luce: la luciferina. Questi elettroni, passando a un più basso livello di energia, rilasciano quella in eccesso sotto forma di luce.
Questa reazione è catalizzata (favorita) da un enzima: la luciferasi.
C’è da precisare che l’argomento “bioluminescenza” non si esaurisce in queste poche righe: molteplici specie bioluminescenti possiedono proteine in grado di effondere luce in processi differenti e complessi.

 

LA LUCE DELLE LUCCIOLE

Rispondiamo ora alla prima domanda del post: perché le lucciole emettono luce?                                                        La loro è una danza di corteggiamento: nei mesi di giugno e luglio, maschi e femmine, coi loro addomi a luce intermittente, si attraggono nel buio per accoppiarsi (a luci spente 😛).
Sono le uniche a diffondere luce? La risposta è decisamente no. In natura esistono numerosi esseri viventi caratterizzati dal fenomeno della bioluminescenza.
Batteri, protozoi, amebe, meduse, coralli, anemoni, vermi, molluschi, crostacei, stelle marine, cetrioli di mare, pesci, funghi, insetti (e io quando esce una nuova edizione de “Il Signore degli Anelli”)
Leggendo questo elenco, vi balzerà agli occhi il fatto che la grande maggioranza di queste specie vivano in ambienti marini.

Sulle terre emerse, le uniche specie bioluminescenti, oltre alle note lucciole, sono altri insetti appartenenti al genere dei Ditteri e dei Collemboli, alcuni vermi, poi centipedi e millipiedi, e persino alcuni funghi come Mycena chlorophos.

 

LUMINESCENZA NEGLI ABISSI

Vi chiederete perché la bioluminescenza è pressoché tipica degli oceani e non della terraferma: non siete gli unici a porsi tale quesito e il vero perché è ancora poco chiaro. Tuttavia molte ipotesi prendono in considerazione il fatto che gli ambienti marini abbiano favorito la bioluminescenza perché, se comparati agli ambienti terrestri, possiedono una storia evolutiva pressoché ininterrotta.
L’oceano è inoltre otticamente più limpido rispetto a fiumi e laghi e non riceve luce solare in profondità.
La funzione della bioluminescenza, nelle specie marine, non è solo di attrattiva sessuale.
Serve a difendersi e, a seconda dell’organismo, l’emissione di luce può spaventare i predatori, aiutare a camuffarsi, addirittura alcuni organi sono luminosi e sacrificabili come la coda delle lucertole: la loro luce attira il predatore che ne viene distratto e permette la fuga. E c’è persino l’effetto “allarme antifurto”: la luce attira il predatore del predatore dell’organismo bioluminescente.
Oltre alla funzione di difesa, c’è anche quella di offesa: adescando le prede, confondendole e ovviamente illuminandole al buio, rendendole vulnerabili.

 

Specie bioluminescenti
Alcune specie bioluminescenti. Immagine tratta dalla fonte allegata alla fine dell’articolo.

 

BIOLUMINESCENZA DA NOBEL

Insomma, bioluminescenza è un fenomeno tanto affascinante quanto complicato ed è tuttora in evoluzione: i profondi e bui habitat marini sono proibitivi per osservare e analizzare il comportamento di questi meravigliosi organismi ma sono certo che la scienza saprà regalarci altre preziose informazioni.
Pensate che il chimico giapponese Osamu Shimomura ha vinto il premio Nobel 2008 grazie ai suoi studi sulla medusa bioluminescente Aequorea victoria. Se volete approfondire l’argomento, il suo libro “Bioluminescence: Chemical Principles and Methods” sicuramente vi saprà guidare nel complesso e affascinante mondo delle creature luminose.

Per quanto riguarda le lucciole, il loro numero in natura si è piuttosto ridotto a causa dell’inquinamento: sarebbe una tragedia se sparissero del tutto. Anni fa ebbi l’occasione di osservarne un intero sciame e fu uno degli spettacoli naturali più belli che abbia mai visto, sembravano come tante piccole stelle.

 

FONTI:

https://www.researchgate.net/publication/49667852_Bioluminescence_in_the_Sea?fbclid=IwAR2fkSTBDzvCpbje0Y4Q36xuAgIfHose44a38MbDgjDAMy36KzFeHccAkAg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il contenuto è protetto da Copyright