Come non fare la festa all’ambiente

Che capodanno sarebbe senza fuochi d’artificio o lanterne cinesi? Che festa di compleanno sarebbe senza palloncini? Forse pensiamo che non sarebbe lo stesso, ma l’ambiente e gli animali ne gioverebbero. Scopriamo insieme quali sono gli effetti negativi di petardi, fuochi d’artificio, lanterne volanti e palloncini sul mondo che ci circonda e vediamo delle possibili alternative ecosostenibili.

Basta con i botti

I botti (anche noti come petardi, mortaretti, castagnole o castagnette) sono piccoli ordigni costituiti da un involucro di cartone contenente polvere esplosiva, che vengono fatti esplodere durante le festività per produrre rumore. Oltre a comportare effetti negativi alle persone (ferite, danni ai timpani, talvolta morte), hanno effetti negativi sugli animali domestici, provocando in loro problemi di salute e fughe.

Ma non parliamo solo di cani e gatti: il rumore causato dai botti crea danni anche alla fauna selvatica. Provoca infatti disorientamento e paura, sfociando in reazioni incontrollate; molti animali reagiscono con comportamenti come il nascondersi, la fuga, la minzione, i vocalizzi o tremori. Alcune di queste reazioni possono portare ad incidenti anche mortali. Ad esempio, gli uccelli, volando tutti insieme spaventati, muoiono in collisioni. Insomma, di paura si può morire, ed è quello che facciamo ogni anno a migliaia di animali.

I problemi dei fuochi d’artificio

I fuochi d’artificio, che siano più o meno grandi, possono scatenare incendi, ferire e spaventare gli animali a causa delle esplosioni. Le luci che producono possono interferire con le attività della fauna selvatica, talvolta mettendone a rischio l’incolumità. Ma il problema maggiore è dato dalle sostanze contenute in questi giochi pirotecnici.

I fuochi d’artificio rilasciano molte sostanze tossiche per gli animali selvatici, quelli domestici e l’uomo. La componente che rende colorati i fuochi d’artificio sono dei composti metallici: ad esempio, calcio e stronzio danno il rosso, sali di rame o bario danno verde e blu, il sodio dà il giallo o l’arancione. Questi, durante l’esplosione, reagiscono con l’ossigeno (combustione) rilasciando fumi, gas serra, particolato (pericoloso per i polmoni), diossido nitrico e idrossido di zolfo (irritanti e responsabili delle piogge acide). Una volta che il gioco pirotecnico è terminato, e smettiamo di guardare per tornare a festeggiare bevendo, i composti metallici vanno a inquinare l’aria, le acque e il suolo, portando a problemi come vomito, asma, disturbi ai reni e al cuore agli animali che li ingeriscono. Inoltre, per produrre l’ossigeno necessario all’esplosione, molti fuochi d’artificio contengono perclorati, sostanze dannose per la tiroide che si dissolvono nell’acqua, contaminando i fiumi e i laghi (nonché l’acqua che beviamo). Tutte sostanze che, durante i festival, rendono l’aria così tossica che gli esperti sconsigliano di respirarla.

I problemi causati dalle lanterne cinesi

Le lanterne cinesi (anche dette lanterne volanti, mongolfiere di carta o lanterne Kongming) sono delle sorte di piccole mongolfiere di carta, che volano grazie a una fiammella che diminuisce la densità dell’aria al loro interno. Nascono come oggetti composti di carta di riso e cera, ma la globalizzazione e l’aumento della richiesta hanno portato alla modifica dei materiali con elementi più facili da reperire ma non biodegradabili o ignifughi.

A causa della loro natura, le lanterne volanti possono essere dannose per gli animali, che possono ingerirne delle parti, ustionarsi al contatto con esse oppure possono soffocare o ferirsi con i residui che ricadono sul terreno. Inoltre, le lanterne possono generare incendi e distruggere habitat. In questo sito troverete immagini dei danni che possono causare. Esistono anche lanterne ignifughe e biodegradabili, ma potrebbero costituire comunque un pericolo.

I danni provocati dai palloncini

I resti dei palloncini, a prescindere dal gas che contengono e dal materiale di cui sono fatti, anche quando biodegradabili, costituiscono un pericolo per gli animali e l’ambiente. Tutti i palloncini tornano sulla terra, dove si impigliano negli alberi, o si accumulano nell’oceano. Qui possono essere scambiati per alimenti dagli animali, bloccandone il tubo digerente fino a provocarne la morte. Spesso ne sono vittime le tartarughe marine, in quanto possono sembrare meduse, di cui si nutrono.

I cordini dei palloncini, invece, possono avvolgersi intorno agli animali, ferendoli e impedendoli nei movimenti. I palloncini di metallo (quelli gonfiati con elio) possono anche interagire con le linee elettriche, provocando blackout. Insieme a quelli di plastica, inoltre, si accumulano nel terreno e nei mari contribuendo all’accumulo dei detriti noti come microplastiche, che vengono ingeriti dagli animali e da coloro che se ne nutrono… inclusi noi umani.

Alternative per festeggiare in sicurezza

Per le celebrazioni possiamo suggerire lanci di fiori, bolle di sapone o uso di stelle filanti. Anche gli aquiloni possono essere una colorata alternativa. Un’esperienza simile a quella del lancio dei palloncini o delle lanterne sono le glow-in-the-dark bubbles e il Flying Wish Paper, una speciale carta su cui si scrivono i propri desideri e poi, dandole fuoco, vola, “dissolvendosi” in aria. Per replicare l’esperienza dei fuochi d’artificio, invece, sono consigliati i laser, ma si può anche pensare di proiettare luce sulle pareti di casa.

Per le decorazioni suggeriamo striscioni di carta o stoffa, bandiere, ghirlande e altre decorazioni di carta, legno o tessuto come girandole e origami. Oppure decorazioni di fiori e foglie! Esiste anche un’alternativa eco-friendly ai gavettoni. Insomma, pensare all’ambiente e agli animali prima di festeggiare non significa sacrificare la celebrazione.

 

Fonti:

  1. ENPA Milano chiede il divieto di vendita dei botti di Capodanno – Consigli su come proteggere gli animali
  2. Come i botti di capodanno minacciano gli uccelli selvatici | LifeGate
  3. Festive Fireworks Create Harmful Pall Of Pollution | Forbes
  4. Are fireworks bad for the environment? | BBC Science Focus
  5. Effects of fireworks on people, animals and property | Emergency services and safety | Queensland Government
  6. Chinese Lanterns (Sky, Wish, Floating & Party lanterns) | RSPCA
  7. Lanterne cinesi, non lanciarle: uccidono gli animali (e provocano incendi) | GreenMe
  8. Why the balloon release tradition is terrible for the environment | Forbes
  9. Eco-Friendly alternatives to balloons | Clearwater Marine Aquarium

Le Bionaute

Siamo Maria Chiara Nastasi, Jolanda Serena Pisano e Altea Pasqualotto, tre Dottoresse Magistrali in Etologia laureate presso l’Università di Torino. Ci chiamiamo Bionaute perché amiamo viaggiare tra le meraviglie della scienza; un viaggio in cui vogliamo coinvolgere quante più persone possibile. Jo scrive da anni, per siti e associazioni no profit. Attualmente, oltre che per le Bionaute, produce contenuti divulgativi per aziende e piattaforme di divulgazione scientifica online, tra cui Dove e Come mi Curo e BioPills. Sta frequentando il Master in Comunicazione della Scienza e dell'Innovazione Sostenibile dell'Università Bicocca di Milano. Chiara ha lavorato come guida e divulgatrice scientifica in progetti per la valorizzazione ecoturistica e attraverso convegni scientifici, presentando anche i propri lavori. Infatti è coinvolta da anni nella ricerca e attualmente sta lavorando a due articoli scientifici e ne ha uno in pubblicazione. Altea si è avvicinata alla divulgazione frequentando il corso di divulgazione scientifica "Il rasoio di Occam" a Torino; ha messo in pausa la divulgazione per dedicarsi allo studio dell'etologia ma continuando a mantenere la passione per la comunicazione della scienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *